La felicità nel cestino 😀

Un binomio perfetto: le temperature, dopo molti giorni freddi e piovosi, stanno salendo (seppur con fatica! Oggi infatti piove!!!!) e da metà maggio è iniziata la graduale riapertura delle attività dopo tanti mesi di incertezza e paura.

Alberi in fiore, profumo d’erba, il sole che scalda il viso e il cinguettio degli uccellini… è arrivato il momento di organizzare un pic-nic! Come? Non ci avete mai pensato? Eppure è uno degli eventi più trendy della stagione. Sì, perché non si tratta semplicemente di andare a mangiare un panino al salame da qualche parte: il vero pic-nic, che i francesi chiamano anche déjeuner sur l’herbe (in francese suona tutto sempre un po’ più chic 😊), deve essere pensato e pianificato nei minimi dettagli.  Il picnic è un momento da trascorrere con famigliari e amici all’aria aperta, felici e in relax: unisce i benefici dello stare in mezzo alla natura con la bontà del cibo mangiato nella natura.

Di picnic ce ne sono moltissimi: si può scegliere il picnic eleganteo quello contadino, ce n’è per tutti i gusti. Il picnic più imitato è il classico inglese, con tovaglietta a scacchi oppure plaid, cestino di vimini e piatti di porcellana. In quello all’italiana prevalgono invece barbecue, tavolino e seggiole pieghevoli; infine per un tocco di esotismo in quello etnico non possono mancare pietanze come il couscous ad esempio.

Ma torniamo all’organizzazione: si parte dalle previsioni del tempo, per evitare spiacevoli sorprese, anche se delle volte il meteo sbaglia, meglio dare un’occhiatina.

Poi, il luogo: che scegliate il mare o la collina, il fiume o la montagna, l’importante è che sia immerso nel verde, tranquillo e lontano dalla strada. L’ideale sarebbe che fosse raggiungibile dopo una bella passeggiata… per stimolare l’appetito!

E a proposito di appetito poi il menù… Resistete alla tentazione di preparare piatti troppo elaborati e sbizzarritevi, invece, con soluzioni pratiche e invitanti. Torte salate, verdure ripiene, polpettine, sformati e frittate sono le scelte migliori per chi pranzerà seduto su un prato o sulla riva di un torrente. Si tratta di cibi che possono essere mangiati facilmente con le mani. Il dessert? Biscotti o una crostata, per chiudere in bellezza senza appesantire. Chiudete gli occhi e immaginatevi insieme ai vostri amici, o in famiglia, mentre assaporate una classica torta di porri e patate, oppure un peperone ripieno…

Il terzo aspetto, da non trascurare, è l’attrezzatura: indispensabile un telo da stendere sull’erba che vi difenderà dagli insetti, una borsa termica, posate, bicchieri e tovaglioli, tutto rigorosamente biodegradabile e… lo spray antizanzare! Il pic-nic perfetto prevede anche la musica, quindi potreste preparare una playlist a tema, da ascoltare in compagnia… Tante cose da mettere insieme, da pensare… 

Per non dimenticare nulla, vi aiutiamo con una lista delle cose che ti possono essere molto utili per rendere perfetto il tuo picnic:

  • borse termiche o cestino da picnic;
  • posate e piatti possibilmente biodegradabili o da riutilizzare;
  • tovaglioli e tovagliette per apparecchiare la tavola;
  • coltello per il pane, apribottiglie per vino e birra;
  • thermos per bevande calde;
  • contenitori e sacchetti per il cibo avanzato;
  • sacchetti per i rifiuti differenziati per non lasciare nulla in loco;
  • salviette umidificate se non ci sono fonti di acqua, o piccole taniche per il lavaggio delle mani;
  • creme per punture di insetti, protezione sole, cerotti, salviettine disinfettanti;
  • stuoie o plaid, amaca, sdraie e lettini da mare, coperte o teli, ombrellone da sole;
  • tavolino da picnic già dotato di sedie;
  • cuscini gonfiabili;
  • giochi: palla, carte da gioco, corda, frisbee, racchettoni.

Voi avete idee e/o suggerimenti per organizzare un ottimo picnic? Scrivetecelo nei commenti!

Al di là dell’organizzazione comunque, vi suggeriamo al termine del vostro appuntamento sull’erba, di raccogliere tutti i vostri scarti, che non possono essere reinventati in una nuova ricetta anti spreco, e a casa di usare SmartCara l’essiccatore domestico per i rifiuti alimentari. Così facendo, anche mentre cucinate per il vostro picnic, potrete gettare nel cestello di SmartCara gli avanzi, attivare il ciclo e ottenere la polvere inodore e sterilizzata per nutrire piante e fiori… prima di andare nella Natura a fare il picnic, vi prendete cura della vostra Natura ☺

A presto!

P.S.

Una “colazione sull’erba” mette tutti in contatto con l’ambiente, è, infatti, una scelta ecologica e per questo motivo potreste inserire nel menù anche una torta, dolce o salata, fatta con del pane avanzato, per ridurre al minimo gli sprechi.


Ecco la ricetta che vi suggeriamo (fonte: ricette giallo zafferano):

TORTA DI PANE

Ingredienti:

(dosi per 10 persone – tempo di preparazione ca. 20 min + 60 min di cottura): 

  • Pane casereccio 400 g 
  • Latte intero 400 g 
  • Uva passa 100 g 
  • Scorza di limone 1 
  • Burro a temperatura ambiente 100 g 
  • Zucchero 100 g 
  • Pangrattato 30 g 
  • Uova 1 
  • Grappa 20 g 
  • Pinoli 50 g 
  • Farina 00 100 g 
  • Acqua q.b.

Preparazione:

Per preparare la torta di pane, private il pane e dalla crosta: dovrete ottenere 300 gr di mollica di pane che taglierete a pezzi e li metterete in una ciotola in ammollo con il latte per circa 10 minuti. Mettete in ammollo con dell’acqua anche l’uvetta, per cinque minuti, per ravvivarla.

Intanto che la mollica si ammorbidisce, grattugiate la buccia di un limone 4 e imburrate con un piccolo pezzo di burro della dose totale una tortiera da 22 cm, spolverandola con il pangrattato.

Trascorsi i dieci minuti, strizzate per bene la mollica e unitevi lo zucchero e l’uovo, poi il burro ammorbidito tagliato a pezzetti. Mescolate bene con un cucchiaio di legno, per rendere amalgamare tutti gli ingredienti.

Aggiungete la grappa, quindi l’uvetta scolata, la scorza di limone, i pinoli e infine la farina setacciata.

Mescolate molto bene gli ingredienti fino ad ottenere un composto compatto e omogeneo che trasferirete nella tortiera imburrata. Con il dorso di un cucchiaio stendetelo in modo uniforme e appiattite la superficie, infornate la torta a 180° gradi per circa 60 minuti: la superficie dovrà risultare dorata. Sfornate e fate raffreddare: la vostra torta di pane è pronta!

Conservate la torta di pane a temperatura ambiente per 2-3 giorni.

Se la mangiano bambini, potete anche omettere la grappa, oppure sostituirla con fialette di aroma all’arancia.

close

10%

di sconto, solo per te 🎁

Iscriviti per ricevere il tuo sconto esclusivo e ricevere aggiornamenti sui nostri ultimi prodotti e offerte!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *